Logo aams
Ippica - giovedì 26 maggio 2011

Bufera Aams in Sicilia: l’ippica chiede una svolta, ma la corruzione dilaga

Bufera Aams in Sicilia: l'ippica chiede una svolta, ma la corruzione dilaga

Dirigenti dellìagenzia del Monopolio accusata di corruzione

Accusata da tempo d’immobilismo nei confronti del comparto ippico, le cui scommesse sono calate all’ultimo posto in termini di ricavi, l’Aams entra nella bufera dopo i recenti fatti accaduti in Sicilia.

Qui dirigenti dell’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, tra cui l’ex direttore dell’agenzia nella regione, sono stati accusati corruzione da parte delle organizzazioni mafiose che si assicuravano i favori dei dirigenti in cambio di escort o soldi.

Un danno che coinvolge anche se indirettamente, l’universo del trotto costretto a convivere con l’aumento giornaliero di Tris e del Quinté, la presenza di due differenti totalizzatori, un qualcosa anomalo nel sistema scommesse degi altri stati, oltre alla già denunciata mancata promozione sul territorio per un settore tanto radicato nella storia del paese.

Su commento...